Farmazone
Carrello vuoto
Registrati gratuitamente | Dati dimenticati? | Accedi

IN EVIDENZA

Disponibilità limitata

€ 24,15  -30%

Disponibile

€ 14,37  -20,2%

1 pezzo

€ 44,10  -10%

4 pezzi

€ 18,10  -35,1%

INFORMAZIONI E ARTICOLI

L'influenza: domande e risposte
19 risposte per saperne di più
Le risposte del Ministero della Salute ai più frequenti quesiti riguardanti questa malattia.

Che cos’è l’influenza?

L’influenza è una malattia provocata da virus (virus influenzali) che infettano le vie aeree (naso, gola, polmoni). Spesso vengono impropriamente etichettate come “influenza” diverse affezioni delle prime vie respiratorie, sia di natura batterica che virale, che possono  presentarsi con sintomi molto simili.

Nello stesso periodo dell’anno in cui la circolazione dei virus influenzali è massima (in Italia solitamente da dicembre a marzo) possono contemporaneamente circolare molti altri virus che provocano affezioni del tutto indistinguibili, dal punto di vista clinico, dall’influenza (Adenovirus, Rhinovirus, virus sinciziale respiratorio etc.).

Quali sono i sintomi dell’influenza?

I sintomi dell’influenza sono comuni a molte altre malattie: febbre, mal di testa, malessere generale, tosse, raffreddore, dolori muscolari ed articolari.

Soprattutto nei bambini si possono manifestare anche sintomi a carico dell’apparato  gastrointestinale (nausea, vomito, diarrea).

Come si trasmette?

Per via aerea, attraverso le goccioline di saliva emesse con la tosse, lo starnuto o anche semplicemente parlando.

Il periodo di contagiosità comincia un po’ prima che si manifestino i primi sintomi e si prolunga per 3-5 giorni; solitamente il periodo di contagiosità è un po’ più lungo nei bambini che negli adulti.

Il periodo di incubazione dell’influenza è molto breve, da 1 a 4 giorni (in media 2). Il virus dell’influenza, che resiste molto bene nell’ambiente esterno in situazioni di bassa temperatura ed umidità, si diffonde facilmente negli ambienti affollati.

Quali sono le complicazioni dell’influenza?

Le complicazioni dell’influenza vanno dalle polmoniti batteriche, alla disidratazione, al peggioramento di malattie preesistenti (ad esempio malattie croniche dell’apparato cardiovascolare o respiratorio), alle sinusiti e alle otiti (queste ultime soprattutto nei bambini).

Come si cura l’influenza?

Nei confronti dell’influenza può essere messa in atto una terapia sintomatica, con farmaci quali antipiretici (che abbassano la febbre), analgesici (che agiscono sul senso di malessere, sulla cefalea e sui dolori articolari e muscolari) ed antinfiammatori.

Il trattamento sintomatico è sufficiente nella maggior parte dei casi di influenza non complicata; in presenza di complicazioni (polmonari o di altro tipo) va naturalmente prescritta e somministrata una terapia specifica sempre dietro indicazione e sotto il controllo del medico curante.

Quando si debbono usare gli antibiotici?

Gli antibiotici sono attivi solo contro le infezioni batteriche e perciò, nell’influenza, patologia di origine virale, non hanno alcun effetto.

Costituiscono comunque un presidio molto importante in caso di complicanze batteriche, che possono verificarsi nel corso della malattia, soprattutto in persone predisposte a causa di fattori di rischio o di malattie concomitanti; l’indicazione al loro uso va riservata  esclusivamente al medico curante.

Come ci si può proteggere dall’influenza?

La vaccinazione antinfluenzale rappresenta il mezzo più efficace e sicuro per prevenire la malattia e le sue complicanze.

I vaccini antinfluenzali, la cui composizione può variare di anno in anno, a seconda delle caratteristiche dei ceppi di virus influenzali circolanti, hanno un’efficacia, negli adulti sani, variabile dal 70 al 90%, e riducono la mortalità legata all’influenza del 70-80% (Fonte: OMS) in quanto, anche se non sempre riescono a prevenire l’infezione, agiscono riducendo in modo sostanziale la frequenza delle sue complicazioni.

Per chi è utile la vaccinazione antinfluenzale?

La vaccinazione antinfluenzale in sé è un intervento di profilassi che può essere utile per tutti coloro che intendono evitare di contrarre l’infezione e per contribuire a ridurre la circolazione dei virus influenzali.

Per chi è sconsigliata la vaccinazione?

La vaccinazione antinfluenzale è sconsigliata alle persone allergiche alle proteine dell’uovo, anche se queste nel vaccino sono presenti in quantità minima (il vaccino antinfluenzale viene prodotto su uova embrionate di pollo).

La vaccinazione antinfluenzale deve essere rinviata in caso di manifestazioni febbrili in atto. Nelle persone con malattie autoimmuni il vaccino antinfluenzale va somministrato solo dopo attenta valutazione del rapporto rischio-beneficio.

La vaccinazione antinfluenzale è sconsigliata anche a coloro che, dopo una precedente somministrazione, abbiano presentato manifestazioni di ipersensibilità immediata (anafilassi), o reazioni di tipo neurologico.

Quali sono gli effetti collaterali della vaccinazione?

La vaccinazione comporta raramente effetti indesiderati, peraltro di scarsa entità, che vanno dal gonfiore-arrossamento nella sede dell’iniezione, al malessere generale, alla febbricola o dolori muscolari di breve durata e intensità.

Bisogna vaccinare tutti i bambini contro l’influenza?

Un bambino in buone condizioni di salute è in grado di reagire autonomamente o con il semplice supporto di terapie sintomatiche nei confronti del virus influenzale. Perciò, la vaccinazione antinfluenzale nei bambini sani non è prioritaria.

Quali bambini bisogna vaccinare?

Ci sono bambini per i quali la vaccinazione, non solo è utile come mezzo di prevenzione collettiva ma è necessaria ai fini di una protezione individuale, in quanto, in caso di malatte, potrebbero più facilmente andare incontro a complicanze.

Sono bambini con:

  • malattie croniche a carico dell’apparato respiratorio (inclusa l’asma persistente, la displasia broncopolmonare e la fibrosi cistica), e malattie respiratorie acute recidivanti (otite media acuta e infezioni delle alte vie)
  • malattie croniche dell’apparato cardiocircolatorio, comprese le cardiopatie congenite e acquisite
  • malattie metaboliche, compreso il diabete mellito
  • malattie renali con insufficienza renale
  • malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie
  • malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi, immunosoppressione indotta da farmaci o da HIV
  • sindromi da malassorbimento intestinale
  • malattie dell’apparato uropoietico ovvero altre severe condizioni patologiche che aumentino il rischio di complicanze
  • patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici
  • bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di Sindrome di Reye in caso di infezione influenzale
  • bambini e adulti che vivono in comunità
  • bambini pretermine e di basso peso alla nascita al compimento del 6° mese.

Si può allattare con l’influenza?

Sì, in quanto la trasmissione dell’infezione avviene soprattutto per via “aerea”, quindi, per evitare di contagiare il bambino è consigliabile allattare mettendo, per esempio, una mascherina sulla bocca.

Si può allattare dopo essere stati vaccinati contro l’influenza?

La vaccinazione antinfluenzale non è controindicata nelle donne che allattano e l’allattamento non interferisce sfavorevolmente sulla risposta immunitaria.

È sicuro il vaccino antinfluenzale in gravidanza?

La Circolare del Ministero della Salute n°1 del 5 agosto 2005 precisa che la vaccinazione è consigliata a tutte le donne che, durante la stagione epidemica, saranno nel secondo e terzo trimestre di gravidanza.

Diversi studi hanno infatti messo in evidenza il maggior rischio di serie complicazioni in seguito all'influenza, anche in assenza di condizioni mediche predisponenti, per le donne nel terzo trimestre di gravidanza o nelle prime fasi del puerperio.

I vaccini antinfluenzali sono a base di virus uccisi o di sub-unità e non comportano quindi, in nessuna fase della gravidanza, i rischi connessi all’impiego di vaccini a base di virus viventi attenuati.

In assenza di condizioni mediche predisponenti che rendano imperativa la vaccinazione antinfluenzale, questa può essere differita all’inizio del terzo trimestre di gravidanza, dopo un’attenta valutazione del rapporto rischio-beneficio da parte del medico.

La vaccinazione è gratuita?

La Circolare del Ministero della Salute individua l’elenco delle categorie a rischio sulla base del quale i servizi territoriali di prevenzione, in relazione alla disponibilità di risorse riservate agli obiettivi specifici di pianificazione sanitaria regionale, offrono la vaccinazione antinfluenzale:

1. persone di età pari o superiore a 65 anni

2. bambini di età superiore ai 6 mesi e adulti affetti da:

a. malattie croniche a carico dell’apparato respiratorio (inclusa l’asma persistente, la displasia broncopolmonare e la fibrosi cistica)

b. malattie croniche dell’apparato cardiocircolatorio, comprese le cardiopatie congenite e acquisite

c. diabete mellito e altre malattie metaboliche

d. malattie renali con insufficienza renale

e. malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie

f. malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi, immunosoppressione indotta da farmaci o da HIV

g. sindromi da malassorbimento intestinale

h. patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici

3. bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di Sindrome di Reye in caso di infezione influenzale

4. bambini pretermine (nati prima della 37ª settimana di gestazione) e di basso peso alla nascita (inferiore ai 2.500 g), dopo il compimento del 6° mese

5. donne che saranno nel secondo e terzo trimestre di gravidanza durante la stagione epidemica

6. persone di qualunque età ricoverate presso strutture per lungodegenti

7. medici e personale sanitario di assistenza

8. contatti familiari di persone ad alto rischio

9. persone addette a servizi pubblici di primario interesse collettivo:

a. personale degli asili nido, insegnanti scuole dell’infanzia e dell’obbligo

b. addetti poste e telecomunicazioni

c. dipendenti pubblica amministrazione e difesa

d. forze di polizia inclusa polizia municipale e volontari servizi sanitari di emergenza

f. personale di assistenza case di riposo

10. personale che, per motivi occupazionali, è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani:

a. detentori di allevamenti

b. addetti all’attività di allevamento

c. addetti al trasporto di animali vivi

d. macellatori e vaccinatori

e. veterinari pubblici e libero-professionisti


A chi rivogersi per effettuare la vaccinazione?

La vaccinazione viene effettuata dal proprio medico di famiglia o dal Pediatra di libera scelta (che a tale scopo hanno stipulato apposita convenzione con la Regione o con la ASL) o presso i servizi vaccinali delle ASL.

Quando vaccinarsi?

Si consiglia di praticare la vaccinazione tra metà ottobre e dicembre, ricordando che sono necessari almeno dieci giorni affinché si realizzi una copertura vaccinale ottimale.

La vaccinazione rimane comunque un efficace mezzo protettivo anche se viene effettuata in periodi successivi, e può trovare indicazioni, ad esempio, in persone che effettuino viaggi all’estero in zone in cui l’attività influenzale segue ritmi diversi dai nostri.

I farmaci antivirali possono prevenire l’influenza?

L’uso dei farmaci antivirali non va mai considerato una alternativa alla vaccinazione  antinfluenzale, che rimane il mezzo più efficace, sicuro ed economicamente vantaggioso per prevenire la malattia.


Fonte: Ministero della Salute


Cerca altri articoli
Farmazone by Longo & Paternò srl - Partita IVA 02678410735
Migliorshop Farmacia - Copyright 2006 - 2017 Sfera Design - Milano. Tutti i diritti riservati.