Farmazone
Carrello vuoto
Registrati gratuitamente | Dati dimenticati? | Accedi

IN EVIDENZA

1 pezzo

€ 7,25  -50%

Disponibilità limitata

€ 16,37  -13,4%

Disponibile

€ 13,90  -22,8%

5 pezzi

€ 10,00  -50%

INFORMAZIONI E ARTICOLI

Crescono casi di cancro in Europa
Tra le cause la crisi economica

La crisi economica tra le responsabili dell'aumento dei casi di cancro nell`Unione Europea: a sostenerlo è uno studio pubblicato oggi sull'European Journal of Cancer, la rivista ufficiale dell`European Cancer Organisation, da José Martin-Moreno e colleghi dell'Università di Valencia (Spagna) secondo cui la mortalità globale per cancro nell`Unione Europea è in calo, ma l'incidenza è aumentata di quasi il 20% - da 2,1 milioni di nuovi casi nel 2002 a 2,5 milioni nel 2008 - e la prevenzione è ancora indietro.

Tra le cause individuate dagli studiosi gioca un ruolo fondamentale la crisi economica, si legge nella ricerca: è infatti nei momenti di ristrettezza economica, spiegano i ricercatori, che le donazioni per la ricerca sul cancro finanziate da organizzazioni di beneficenza tendono a diminuire, e i governi e le industrie farmaceutiche iniziano a tagliare i fondi per la ricerca e lo sviluppo.
Nei periodi di difficoltà economiche, poi, "sia le aziende private che i governi tendono a prendere scorciatoie nei controlli di sicurezza sul lavoro - spiega Martin-Moreno - e questo è particolarmente vero per le piccole imprese e nei paesi in via di sviluppo".



Il particolare: i casi di cancro al colon in Europa sono in aumento dal 1975, e da soli hanno consumato il 13,6% delle spese sanitarie totali per il cancro al 2008, si legge nella stessa ricerca. "Eppure noi sappiamo che un gran numero di casi di cancro del colon potrebbero essere evitati riducendo l'esposizione a fattori di rischio tra cui la mancanza di attività fisica e l'eccesso di peso", spiega Andrew Renehan dell`Università di Manchester (Regno Unito), uno dei co-autori dello studio. 

Nonostante i già noti benefici ricavabili dall'attività fisica e dal non essere in sovrappeso, si legge nello studio, una quota sempre crescente della popolazione europea ha un indice di massa corporea superiore a quella massima raccomandata di 25, e pochi europei svolgono la quantità di attività fisica raccomandata dalle linee guida attuali - almeno 30 minuti di moderata l'attività fisica cinque o più giorni alla settimana.

Secondo la ricerca si potrebbe prevenire il cancro ripartendo dalla lotta ai quattro grandi fattori di rischio: fumo, obesità, alcol e inattività fisica. "I governi potrebbero svolgere la loro parte - conclude Martin-Moreno - cogliendo l`opportunità di imporre tasse più alte su tabacco, alcool e cibi non sani e canalizzando gli introiti ricavati verso la creazione di posti di lavoro nella prevenzione e nei programmi di benessere sociale".

Fonte ufficiale: Salute24/Il Sole 24ore



Cerca altri articoli
Farmazone by Longo & Paternò srl - Partita IVA 02678410735
Migliorshop Farmacia - Copyright 2006 - 2017 Sfera Design - Milano. Tutti i diritti riservati.